Faq

Chi partecipa progetto DiGi Scuola?

Partecipano le scuole secondarie di II grado delle Regioni Obiettivo 1 (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia), dell'Abruzzo e del Molise.
Inizialmente e in via sperimentale l'iniziativa sarà rivolta ad un campione di 550 scuole, successivamente verrà estesa a tutte le scuole.

Quanto durerà la sperimentazione?

La sperimentazione sarà attiva per l'anno scolastico 2006-2007.

Quali saranno le classi interessate?

Oggetto della sperimentazione saranno le prime classi del biennio (3 sezioni per scuola).

Quali saranno le materie coinvolte?

La sperimentazione riguarderà soltanto le materie di insegnamento di italiano (grammatica) e matematica.

Vengono fornite alle scuole dotazioni informatiche?

Sì. Vengono fornite alle scuole coinvolte le seguenti dotazioni informatiche:
Pc portatile al docente
lavagne elettroniche e proiettori digitali alla classe

Come avviene la fornitura di queste dotazioni informatiche?

L'acquisto dei Pc portatili per l'insegnante, delle lavagne elettroniche e dei proiettori digitali per la classe, necessarie per un migliore utilizzo degli strumenti didattici e della Piattaforma Nazionale, viene effettuato a livello centrale. Successivamente il Dipartimento per l'innovazione e le tecnologie trasferirà la proprietà delle dotazioni informatiche (PC portatili all'insegnante, lavagne elettroniche e proiettori digitali alla classe) a titolo gratuito agli istituti scolastici che volontariamente parteciperanno alla sperimentazione.

Cosa sono i contenuti digitali?

I contenuti digitali (learning object) sono oggetti didattici digitali di piccole dimensioni e durata che integrano e completano le nozioni apprese in aula e dai libri di testo. I learning object perseguono un obiettivo formativo specifico. Possono essere utilizzati dai docenti e dagli studenti in modo indipendente, senza sequenza predefinita ed essere aggregati in percorsi di apprendimento personalizzabili per ogni singolo studente.

Dove reperire i contenuti digitali?

I contenuti digitali saranno disponibili su una Piattaforma Nazionale, all’interno del Mercato Elettronico, punto di incontro tra la domanda di contenuti digitali espressa dal mondo della scuola e l'offerta garantita dall'industria dei contenuti.

I contenuti digitali disponibili sulla piattaforma sono assimilabili ai corsi di e-learning

No. L'e-learning presuppone una metodologia formativa effettuata a distanza. Al contrario, i learning object sono strumenti utilizzati dai docenti come supporto alla didattica in aula e dagli studenti per le esercitazioni sia a scuola che a casa.

Chi anima il mercato elettronico?

Il modello operativo di funzionamento prevede che fornitori di contenuti, editori convergano sul Mercato Elettronico e mettano a disposizione i contenuti digitali (learning object) a docenti e studenti.

Quali sono le modalità di acquisto dei contenuti digitali da parte delle scuole selezionate?

Il finanziamento dell'acquisto dei contenuti digitali (learning object) avviene attraverso la dotazione alle scuole di semplici codici o carte (voucher) che identificano il credito della scuola stessa. Il credito contenuto nel codice o nella carta si esaurirà con l'uso. In tal modo i fondi destinati all'acquisto delle licenze d'uso dei contenuti digitali sono distribuiti in modo virtuale, senza alcun onere di gestione contabile/amministrativa per le scuole stesse. L'acquisto è relativo alla sola licenza di utilizzo, mentre la proprietà del contenuto rimane dell'editore.

Quali sono le modalità di acquisto dei contenuti digitali da parte delle scuole non selezionate?

I contenuti digitali presenti nel marketplace potranno essere acquistati anche dalle scuole che non usufruiranno dei voucher. In questo caso le modalità di pagamento potranno variare in base alle esigenze delle scuole stesse. L'acquisto è relativo alla sola licenza di utilizzo, mentre la proprietà del contenuto rimane dell'editore.

A chi spetta la scelta e la gestione dei contenuti digitali?

Ai docenti che, opportunamente formati e coadiuvati da tutor, avranno la possibilità di scegliere durante l'anno scolastico un numero predefinito di learning object, sufficiente per costituire un percorso formativo da utilizzare nell'attività didattica dell'anno con gli studenti.
É il docente, inoltre, che decide in quale fase del processo di insegnamento utilizzare i contenuti digitali e le modalità secondo le quali integrare le attività didattiche tradizionali con il loro impiego, analogamente a quanto accade con i libri di testo.
Il modello didattico definito per il progetto, infatti, parte dal presupposto di mantenere la centralità del docente nel processo formativo, così come previsto dal modello di insegnamento tradizionale ad oggi utilizzato.

Esistono degli obblighi nella scelta del percorso didattico?

No. Il modello didattico non prevede quindi un processo che i docenti devono seguire obbligatoriamente, ma fornisce esclusivamente i contenuti da utilizzare in modo autonomo durante tutte le fasi del processo formativo.

Come possono essere utilizzati i contenuti digitali all'interno dell'attività didattica?

Indipendentemente dalle modalità che ogni docente ha la facoltà di scegliere è possibile suggerire alcune attività che possono essere potenziate mediante l'utilizzo dei learning object:
preparazione della lezione
lezione ed esercitazioni in aula
assegnazione compiti a casa
verifica dell'apprendimento con reportistica dei punteggi ottenuti dai singoli studenti

Sono previsti programmi formativi per gli insegnanti?

Sì. Sono previsti due diverse attività di formazione.
La prima riguarderà un'attività di formazione, precedente all'avvio operativo dell'iniziativa che consentirà ai docenti di conoscere le caratteristiche e la modalità di utilizzo della Piattaforma Nazionale e dei learning object.
La seconda consisterà in un'attività di accompagnamento che supporterà i docenti nell'utilizzo dei nuovi contenuti digitali nel corso dell'anno scolastico.

É prevista un'azione di monitoraggio/supporto del progetto?

Sì. Il progetto prevede una fase di monitoraggio per verificare lo stato di avanzamento dell'iniziativa nelle scuole e il raggiungimento degli obiettivi progettuali, nonché per supportare le scuole stesse nell'individuazione di eventuali interventi migliorativi e nel corretto utilizzo degli strumenti disponibili. Oltre alle attività di monitoraggio è prevista una attività di reportistica automatizzata sull'utilizzo dei contenuti, disponibile direttamente sulla piattaforma tecnologica.